AllVideoShare

Area Login

Iscrizione newsletter

Per ricevere la nostra Newsletter inserisci la tua mail e premi OK

Abbiamo 23 visitatori e nessun utente online

678932
Today
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
All days
45
106
357
389341
2961
3548
678932
Your IP: 34.207.152.62
2019-02-20 04:58:45

Promo Interno Voce

Promo Interno Voce - Ospedale Sandro Pertini - Roma Marzo 2013 - Maggio 2014

Presentazione dell’azione scenica Interno Voce (a cura di Giovanni D’Alfonso)

L’azione scenica Interno Voce racconta l’esperienza di malattia, riabilitazione e reinserimento di un gruppo di ex-pazienti oncologici – operati alla corde vocali -, dei loro familiari e di alcuni operatori familiari che hanno condiviso il percorso di cura nell’ospedale romano “Sandro Pertini”: gli stessi protagonisti hanno voluto portarla al centro della scena. Partendo da scritture autobiografiche, hanno dato vita ad un laboratorio teatrale, condotto dal regista Antonello Belli, che ha permesso di sperimentare e mostrare anche le possibilità espressive e artistiche della nuova vocalità. Inoltre ogni partecipante, concentrato sulla scrittura, è riuscito spesso ad individuare nuovi aspetti e significati nella propria esperienza di vita. Dopo circa cinque mesi, Il laboratorio teatrale Interno Voce ha restituito in una composizione unitaria di grande suggestione la coralità di voci, di suoni, di gesti, di movimenti che, nel tempo, si erano andate esprimendo. In particolare sono da rilevare gli interventi sonori e visivi, suggeriti dalle emozioni che ogni scena suscitava negli artisti impegnati.
L’azione scenica Interno Voce è stata rappresentata la priva volta lo scorso maggio all’Upter Teatro Studio di Roma, riscuotendo un successo lusinghiero che non è sfuggito alla stampa cittadina e a Rai3. La realizzazione del video Interno Voce è di Elvio Fontana. Il progetto Interno Voce è sostenuto dall’Associazione Italiana Laringectomizzati, dall’Associazione OndArmonica di Perugia e dall’Associazione Spazio Tempo per la Solidarietà di Roma.

Commenta