Area Login

Iscrizione newsletter

Per ricevere la nostra Newsletter inserisci la tua mail e premi OK

Abbiamo 10 visitatori e nessun utente online

589491
Today
Yesterday
This Week
Last Week
This Month
Last Month
All days
13
116
220
300549
1902
4131
589491
Your IP: 54.167.202.184
2017-10-18 01:42:21

La Mnemoteca - Cosa è?

scuole rurali.jpgLa Mnemoteca è il luogo riconosciuto dove raccogliere:

 ·    le autobiografie e le interviste autobiografiche di persone legate al territorio del Municipio;

·     le ricerche, le tesi di laurea, tutto il materiale  che può documentare e rappresentare i cambiamenti dei suoi paesaggi.

 

La Mnemoteca è anche il luogo dove:

·   restituire alle comunità dei quartieri le autobiografie e le storie di vita raccolte, anche attraverso rappresentazioni artistiche e espressive diverse (teatro, cinema, danza, musica…);

·     promuovere la formazione autobiografica, sia con incontri specifici che con seminari, rivolta in particolare a studenti universitari e delle scuole del Municipio;

·    insegnanti, operatori sociali e culturali, possono confrontarsi sui problemi del territorio ed i temi dell’educazione permanente;

·          scrivere la propria autobiografia  mano-che-scrive.pngcon l’aiuto dell’Associazione

·       persone diverse per età, sesso, estrazione sociale, formazione, nazionalità, etnia e che ritengano la storia di una vita, nella sua unicità, un bene culturale da tutelare, possono dialogare.

Scopi
- Diffondere la cultura (auto)biografica anche per riscoprire il senso dell’appartenenza ad una comunità,  confrontandosi con le trasformazioni del paesaggio urbano.

- Mettere in relazione giovani e anziani di diverse generazioni in un progetto di ricostruzione della storia comune, attraverso la scrittura e il racconto di  storie di vita.

- Raccogliere e conservare le storie di vita degli studenti, degli insegnanti, dei genitori, del personale non docente che si sono avvicendati nel corso del tempo, restituendo alle nuove generazioni di studenti l’identità della scuola e di coloro che, con  ruoli diversi, l’hanno vissuta.

Commenta

You have no rights to post comments